Aeolian Islands

Active volcanoes, relaxing mud baths and warm fumaroles make these seven small islands North of Sicily a perfect getaway for those looking for a place to relax and sunbathe for the most part of the year. We visited in mid-October, a few years ago, and we could perfectly enjoy the almost desert beaches with 30 wonderful, unexpected degrees!
Surprisingly beautiful and extremely varied, these islands are part of the UNESCO heritage since 2000 and each one of them has its own charm: from the conic shaped and unexplored Alicudi, to the mix of jet-set and archeology of Panarea to the sulfurous waters of Vulcano and the lava flows of Stromboli. It is this mix of elements and landscapes to make this archipelago perfect for anyone, to the most adventurous and nature lovers tourists to those who love comforts and good food.

Black Beaches in Vulcano

Lipari
The biggest of the islands, it is also the only one with a sizeable city and a consistent population all year long. It is maybe the most developed island on the tourism side even though it always kept its quite and liveable atmosphere. The center is rich of shops, restaurants and bars while in the ancient Palazzo dei Vescovi, next to San Bartolomeo Cathedral, you’ll find the important Aeolian Archeological Museum that offers an interesting point of view on the over 5000 years of history of the archipelago. One of the main characteristics of Lipari is the presence of super white, rocky beaches, that is something you don’t find on the other islands, given by the pumice mines, now unused, that give us breathtaking landscapes and colors.

Lipari, pumice stone beach

The coast is wild and jagged and characterized by wide bays and deep caves and the best way to explore it is undoubtedly a scooter: this way you can easily reach also the highest point of the island to enjoy the amazing 360 degrees landscape. The scooter advice, by the way, is oh so valid on all the other islands, too! Personal experience here, guys!

Vulcano

The closest of the islands to the Sicilian coast, it is first of all characterized by an essential element of the charm of the island: the super strong smell of sulphur in the air all over the village, coming mainly from the main attraction on the island: the “puddle” of geothermal muds and thermal waters just a few steps away from the harbor. A small fee is due to enter the area (about 3€), but inside is like an open-air spa: nature gives us sulphurous muds to treat the skin, fumaroles to dry and potentiate the action of the muds and thermal waters to wash everything away with a natural jacuzzi included in the price 😀 Muds are also famous for their countless beneficial effects on the health, being useful for various articular, airways and dermatological diseases. One of the main curiosity of the beach is the presence of small caves on the rocks around the puddle, inside which there are other fumaroles. It’s not unusual to find inside those caves people covered in mud, squat down to fit the small space and let the mud dry: stone man effect is guaranteed!

View from the top of the crater in Vulcano

Do not forget to visit the Donkey (Asino) and the Mulberry (Gelso) beaches with their distinctive black volcanic sand and the Monsters Valley in Vulcanello, peculiar for the presence of rock sculptures born from lava and weirdly shaped by the wind.

Climbing the volcano is totally worth it. It takes less than an hour and is definitely not a piece of cake but trust me, once you’ll reach the top you will totally forget the struggle, the view from the top is absolutely breathtaking!

Little sulfur stone

Salina
Salina is the greenest island of the archipelago, famous for its protagonist role in the movie “The Postman” with Massimo Troisi. Santa Maria Salina, main district of the island, is characterized by its center made of small streets, elegant boutiques and small delicatessen with all the typical products you could find around, all of them built on the ground floor of these XIX century houses. With a scooter, you can easily reach the hamlet of Lingua to fully enjoy the breathtaking view walking on the beach. Crossing the island from East to West you will get to Pollara, where some scenes from “The Postman” were shot. The beach, probably the best of the island, is easily accessible by sea; for the bravest is available a walking path, pretty long and steep, that leads you to the beach in about 30 minutes.
Salina is the most fertile of the islands and it’s mostly famous for the plantation of the super duper famous capers and “cucunci besides the prestigious grapes used to make Malvasia, delicious sweet wine also available in the fortified or “passito” version. Do not miss it combined with peach flavored anything, especially the slush!

Panarea

view of the ruins in Panarea

Walking around Panarea

If you’re looking for high society and luxury holidays Panarea is the place to be! A historical destination for so many VIP and celebrities from the international jet-set with its spectacular rocky beaches it is also the location of an ultra ancient archeological site dated back to the Bronze Age: Punta Milazzese village. The bond between history and elite makes the island the perfect destination for both a day trip or a longer stay, proposing its guests so many activities: trekking, diving, sailing… A 40 minutes walk from the harbor will take you to the golden beach of Zammara and the beautiful bay of Cala Junco, where a lot of majestic boats use to dock to enjoy the beauty of the landscape, all surmounted by the promontory where Punta Milazzese is. Another 20 minutes walk in the opposite direction will bring you to the beach of Calcara, where the fumaroles made yellow stains on the rocks leading the ancients to believe that is was the gate to the underworld. All archeology lovers should not miss a boat trip around Basiluzzo to check the submerged ruins of an ancient Roman harbor. Do not miss the bar “Da Carola”, where basically all the celebrity around use to hang together with tourists of all kinds. It is worth a visit just to enjoy a homemade slush, preferably with a brioche in the Sicilian way, to be eaten while checking the VIP pictures on the wall, having fun to recognize them all.

Stromboli
It is the same name volcano that attracts the most part of the visitors to Stromboli. It is one of the most active volcanoes in the world, almost perpetually active since 1932, and it welcomes everyday dozen and dozen of tourists that, equipped with comfy shoes, water, a flashlight and a lot of good will, just climb the volcano up to the crater. But the best point of view is from the sea: usually at night, the boats bring the tourists around the volcano to admire the eruption of melted rocks and lava from the central crater. It is not surprising that the island is also known as thelighthouse of the Mediterranean” because of its constant eruptions perfectly visible also from a big distance. Another characteristic of the island is the presence of numerous beaches even close to the residential zone, differently from the other islands where there are few beaches and all not easily accessible. The best beach in Stromboli is probably the one in Piscità, from where you can see Strombolicchio, a small uninhabited island with an old solar powered lighthouse.

Filicudi and Alicudi
The only paved road connecting the small villages in Filicudi could give a wrong impression about the island. The villages might look so distant from each other but are in fact easily accessible in a short time using the old mule tracks cutting across the terraces and giving you the chance to catch unique and unforgettable glimps. Also Filicudi hosts some submerged ruins and offers several diving points for the enthusiasts, leaving the others the possibility of a boat trip around the island to discover the Aeolus grotto, where every year on Sept.15th an evocative candle-lit party is held.
Alicudi, on the other hand, is just a cone rising from the sea and either you love it or hate it, no in-between. When you reach Alicudi you find yourself absorbed in dimension out of this time with its rural atmosphere and its only 80 inhabitants (who actually become 2000 during summer). Clean air, crystalline water and wild territories make it the ideal island for whoever loves explorations, trekking and diving. This is the place where mules and donkeys are the only means of transport and pollution is non-existent.

Lipari walls


Vulcani attivi, rilassanti bagni di fango e calde fumarole rendono queste sette piccole isole a Nord della Sicilia una meta perfetta per chi cerca una destinazione rilassante e calda per la maggior parte dell’anno. Noi le abbiamo visitate ad Ottobre inoltrato, qualche anno fa, e ci siamo potuti godere le spiagge semi deserte e gli inaspettati 30°C!
Sorprendentemente belle ed estremamente varie, le Eolie sono diventate patrimonio dell’UNESCO nel 2000 ed ognuna ha il suo proprio fascino: dalla conica e quasi inesplorata Alicudi, al mix di jet-set e archeologia di Panarea fino alle acque sulfuree di Vulcano e le colate laviche di Stromboli. E’ proprio questo mix di elementi e paesaggi a rendere l’arcipelago perfetto per chiunque, dai turisti più avventurosi ed amanti della natura incontaminata a quelli amanti del comfort e del buon cibo.

Spiaggia Bianca in Lipari

Lipari
La più grande tra le isole, è anche l’unica con una città di dimensioni considerevoli e una popolazione consistente tutto l’anno. E’ forse l’isola più sviluppata dal punto di vista turistico pur mantenendo un’atmosfera molto tranquilla e a misura d’uomo. Il centro è costellato di negozi, ristoranti e bar mentre nell’antico Palazzo dei Vescovi, adiacente alla Cattedrale di San Bartolomeo, è ospitato l’importante Museo Archeologico Eoliano che offre un interessante punto di vista sui 5mila anni di storia dell’arcipelago. Una delle caratteristiche principali di Lipari è sicuramente la presenza di spiagge bianchissime e rocciose, dovute alle cave di pomice, ormai in disuso, che regalano panorami mozzafiato. La costa è selvaggia e frastagliata caratterizzata da ampie baie e grotte profonde e il miglior modo per esplorarla in tutta la sua interezza è sicuramente con uno scooter con il quale raggiungere anche la parte più alta dell’isola per godere del meraviglioso panorama a 360° sul resto delle isole. Consiglio per altro valido anche per tutte le altre isole, e ve lo diciamo per esperienza personale!

Vulcano
La più vicina tra le isole alla costa siciliana, è caratterizzata in primis da un elemento imprescindbile dal fascino dell’isola: il fortissimo odore di zolfo che impregna l’aria in ogni angolo dell’isola, proveniente per lo più da quella che è la sua attrazione principale: la pozza di fanghi geotermici e acque termali a due passi dal porto. E’ richiesto il pagamento di un piccolo contributo per accedere all’area (3€), ma all’interno è possibile usufruire di una vera e propria spa a cielo aperto: la natura mette a disposizione fanghi sulfurei per trattare la pelle, fumarole per seccare ed aumentare l’azione dei fanghi e acque termali per risciacquare il tutto con idromassaggio naturale incorporato 😀 I fanghi sono inoltre famosi per i loro innumerevoli effetti benefici sulla salute, risultando effettivi su diverse patologie articolari, delle vie aeree e dermatologiche. Una delle particolarità più grandi della spiaggia è la presenza di piccole grotte lungo le pareti della roccia circostante all’interno delle quali si sviluppano altre fumarole. Non è insolito trovarvi all’interno persone ricoperte di fango accucciate all’interno, l’effetto uomo di pietra è assicurato!
Notevoli sono anche le spiagge dell’Asino e del Gelso con la loro caratteristica sabbia nera vulcanica e la Valle dei Mostri di Vulcanello, particolare per la presenza di bizzarre forme rocciose nate dalla lava sapientemente scolpite dai venti marini.

Salina
Salina è la più verde tra le isole, famosa anche per il suo ruolo da protagonista nel film con Massimo Troisi “Il Postino”. Santa Maria Salina, comune principale, si distingue per il suo centro composto da stradine caratteristiche ricche di boutique eleganti e piccoli alimentari che occupano i piani terra delle case del XIX secolo. Con l’aiuto di uno scooter si può facilmente raggiungere la frazione di Lingua per godersi il panorama mozzafiato passeggiando sulla spiaggia. Attraversando completamente l’isola si arriva invece a Pollara, location di alcune scene del film di Troisi. La spiaggia, forse la più bella dell’isola, è facilmente raggiungibile via mare; per i più temerari esiste invece un percorso a piedi attraverso un sentiero lungo e molto scosceso che permette di raggiungere il mare in circa 30 minuti di cammino.
Salina è la più fertile delle isole Eolie ed è soprattutto famosa per la coltivazione dei famosissimi capperi e cucunci eoliani oltre che delle uve pregiate dalle quali si produce la Malvasia, delizioso vino disponibile anche nella versione liquorosa o passito. Imperdibile l’abbinamento con la pesca, soprattutto in versione granita!

StromboliPanarea
Se siete alla ricerca di mondanità e di una vacanza di lusso Panarea è senza dubbio l’isola che fa per voi! Meta storica di innumerevoli personaggi più o meno famosi del jet-set internazionale con le sue meravigliose spiagge rocciose è anche sede di un antichissimo scavo archeologico risalente addirittura all’età del bronzo: il Villaggio di Punta Milazzese. Il connubio tra storia e mondanità rende l’isola la destinazione perfetta sia per una gita in giornata che per un soggiorno prolungato, offrendo ai suoi turisti la possibilità di esplorare, nuotare o effettuare escursioni in barca. Una passeggiata di una quarantina di minuti dal porto vi permette di raggiungere la spiaggia color oro di Zammara e la magnifica baia di Cala Junco, luogo di attracco preferito dai vip con le loro imponenti imbarcazioni, il tutto sormontato dal promontorio che ospita il Villaggio di Punta Milazzese. Camminando 20 minuti nella direzione opposta si raggiunge la spiaggia di Calcara, dove le fumarole hanno macchiato le rocce di giallo zolfo portando gli antichi a credere che si trattasse di un ingresso per gli inferi. Per i più appassionati di archeologia c’è anche la possibilità di circumnavigare lo scoglione di Basiluzzo per ammirare le rovine sommerse di un porto romano.
Consigliatissima è una visita al bar “Da Carola” al porto, punto di incontro per moltissimi vip e visitatori dell’isola. Vale la pena fermarsi per una granita, possibilmente con brioche, da gustare guardando le centinaia di foto di personaggi famosi appese al muro, divertendosi a riconoscerli tutti.

L’unica strada asfaltata che collega i piccoli insediamenti su Filicudi da’ una falsa impressione dell’isola. I villaggi che sembrano così distanti tra loro sono in realtà raggiungibili nel giro di pochi minuti percorrendo le antiche mulattiere che tagliano attraverso le terrazze regalando scorci unici e indimenticabili. Anche Filicudi è sede di alcuni scavi sommersi e offre diversi punti di immersione per gli appassionati, lasciando agli altri la possibilità di una gita in barca intorno all’isola per scoprire la grotta di Eolo, teatro tra l’altro di una suggestiva festa a lume di candela che si tiene ogni anno il 15 settembre.
Alicudi e Filicudi
E’ l’omonimo vulcano ad attrarre la maggior parte dei visitatori di Stromboli. Si tratta infatti di uno dei vulcani più attivi al mondo, in attività quasi perenne dal 1932, e raccoglie quotidianamente decine e decine di visitatori che, armati di scarpe comode, acqua, torcia e tanta buona volontà, si arrampicano lungo le pendici del vulcano per ammirarne la conformazione fino ad arrivare in prossimità del cratere. La prospettiva migliore però si ha dal mare, da dove è possibile ammirare estasiati la potenza della natura esprimersi attraverso le eruzioni di fontane di roccia fusa dal cratere centrale. Non sorprende che l’isola sia da secoli conosciuta anche come “il faro del Mediterraneo” proprio grazie alle sue costanti eruzioni perfettamente visibili anche a grande distanza. Altra caratteristica dell’isola è la presenza di numerose spiagge anche in prossimità del centro abitato, a differenza delle altre isole in cui le spiagge sono poche e difficilmente accessibili. La spiaggia migliore è probabilmente quella di Piscità, dalla quale è possibile ammirare Strombolicchio, isolotto disabitato sede di un vecchio faro ad energia solare.

Alicudi, al contrario, è un cono senza compromessi che sorge dal mare e la si ama o la si odia, senza vie di mezzo. Chi arriva ad Alicudi si ritrova immerso in una dimensione completamente fuori dal tempo con la sua atmosfera rurale e i soli 80 abitanti che la popolano durante l’anno. Aria pulita, mare cristallino e territori selvaggi ne fanno l’isola ideale per chi ama le vacanze esplorative, per gli amanti del trekking e delle immersioni. Qui resistono ancora asini e muli e l’inquinamento è assolutamente inesistente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *